Trattamenti per chi soffre di attacchi di panico

Molto bene e ben arrivato, o ben arrivata adesso ti voglio spiegare che cosa sono gli attacchi di panico .

Ti sto per insegnare una manualità veramente molto efficace per diminuirli in maniera notevole, e se farai alla lettera tutto quello che adesso ti andrò a insegnare vedrai che riuscirai anche a farli scomparire.

Ti assicuro che non sto esagerando adesso ti vado a leggere la definizione gli attacchi di panico presa da Wikipedia.

Un attacco di panico è un periodo di paura, disagio intensi, tipicamente con un inizio improvviso e solitamente della durata inferiore ai 30 minuti.

I sintomi includono:

  1. tremore
  2. respirazione superficiale
  3. sudore
  4. nausea
  5. vertigini
  6. iperventilazione
  7. parestesie che è una sensazione di formicolio che verrà tipicamente alle mani o alle gambe
  8. tachicardia
  9. sensazione di soffocamento o asfissia

Wikipedia continua spiegando che la causa non è ancora conosciuta ma in realtà adesso ti darò un’interpretazione dell’attacco di panico e come andare proprio intervenire su di esso.

O meglio non è che intervieni sull’attacco di panico ti insegnerò a intervenire sulle persone che soffrono di attacchi di panico.

Ok? Bene, allora quello che ti consiglio che è quello che faccio proprio io quando sono in studio.

Quando viene una persona da me che ha questo disturbo è come prima cosa ancora di cominciare il trattamento devi rilassarti tu per primo e devi avere un tono di voce rassicurante e lo devi proprio calmare già per come ti poni come atteggiamento.

Quindi devi essere molto calmo come persona se non lo sei impegnati in quel momento. E’ importante perché sono persone solitamente ipersensibili quindi captano anche la tua agitazione.

Considera che queste persone hanno un sistema nervoso talmente teso e verosimilmente chi soffre per un lungo periodo di attacchi di panico, tende ad avere anche un esaurimento nervoso.

Quindi sono così tese che hanno anche paura che possa capitare lì in quel momento l’attacco di panico. Un’altra cosa importante è che l’attacco di panico, non ha una causa scatenante particolare.

massaggio contro mani sudate

La persona è talmente diciamo tesa che basta un non-niente per fargli venire l’attacco di panico. Questa si manifesta anche con la paura di morire o di impazzire.

Chi l’ha provato mi ha detto: Francesco credimi hai la sensazione di morire, c’è qualcuno addirittura che vede il tunnel con la luce in fondo, e non sto scherzando.

Se non mi credi vai proprio a documentarti in internet, trovi tanti articoli a tale riguardo. 

La sensazione è di morte improvvisa, e l’atteggiamento più comune è quello di voler scappare.

Si ha proprio una sensazione di allontanarsi dal luogo dove è avvenuto l’attacco di panico.

La persona immediatamente si reca al pronto soccorso e fanno tutti gli accertamenti del caso.

Bene, adesso noi invece incominciamo a trattare la persona per questi attacchi di panico.

Il punto del rene, quello che ci interessa a noi in realtà non è tanto la zona del rene, ma la zona delle surreni, che si trova sempre sopra il rene.

Sarà lì che dovrai concentrare la tua attenzione, con il massaggio che la prossima volta ti farò vedere. Ovviamente sia sul piede destro che sul piede sinistro, ok?

Bene, adesso prendiamo proprio il piede e, che andrò a disegnare la zona riflessa dato che questo non è un corso di riflessologia, ma solo ti voglio fare individuare dov’è la zona.

Tu segui le mie istruzioni allora non farti confondere degli altri disegni.

Disegna sotto il terzo dito la zona riflessa del rene. Ti chiederai perché mi fa disegnare la zona del rene se dobbiamo andare a lavorare la zona del surrene? Beh, perchè sarà molto più facile individuarla successivamente appena posterò il prossimo articolo.

Buona giornata

Francesco Ciaccia

separatore_grigio

Abbiamo preparato apposta per te dei video-tutorial passo passo dove scoprirai esattamente come si applicano queste tecniche in modo da essere operativo da SUBITO.

Trovi tutto il materiale cliccando sul bottone verde: “SCOPRI DI PIU’“:

corso dei trattamenti specifici

Scopri di più

Ti è piaciuto questo articolo? Se c’è altro che vorresti sapere o se vuoi semplicemente scriverci la tua opinione, lasciaci un commento qui sotto! Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensi.