Il Massaggio olistico: tutto ciò che bisogna sapere sul massaggio che dona benessere al tuo corpo e alla tua anima




Il trattamento olistico non è solo un semplice massaggio: rappresenta una vera e propria modalità di aiuto sia fisico che psicologico per l’individuo trattato.

Il massaggio olistico, le origini e l’evoluzione

Questa manipolazione pone le sue radici nella parola greca Olos che significa totalità. È proprio la totalità, infatti, a rappresentare questa manipolazione che si concretizza nella totale funzionalità del proprio corpo, rappresentando una risorsa capace di stimolare la persona che vi si sottopone per quanto riguarda la sua interezza fisica ed emotiva.

Il massaggio olistico, inoltre, cerca di stimolare anche il naturale processo dei meridiani energetici, ovvero i canali attraverso cui si può sviluppare la stimolazione e il riequilibrio dell’energia corporea.

Tutti questi elementi lo portano ad essere sviluppato negli anni 70 negli Stati Uniti da un professore che si rese conto quanto fosse possibile coinvolgere e curare tutti i livelli che rendono unico un individuo, ovvero l’ambito fisico, mentale e, non meno importante, l’ambito emozionale.

A cosa serve il massaggio olistico?

Data la sua capacità di donare relax… sorge spontanea la domanda su cosa realmente servi sottoporsi a questo massaggio?

Il massaggio olistico rappresenta un metodo concreto per aiutare il paziente a costituire un buon rapporto con sé stesso attraverso la competenze di un operatore e si delinea come uno dei modi migliori per allentare la tensione.

Attraverso, infatti, gli stimoli forniti alla sensorialità dell’individuo, l’energia si risveglia e fornisce tutti gli elementi necessari per innescare il naturale processo di guarigione, compresa la perduta vitalità.

Dal punto di vista fisico, il massaggio olistico permette di:

  • Rilassare i muscoli contratti;
  • Migliorare la mobilità articolare e la circolazione.
  • Tutto ciò concede di aumentare la flessibilità del corpo, alleviando disturbi di vario genere.

Dal punto di vista psichico, il massaggio olistico fornisce tutti gli strumenti utili per la riduzione dello stress nonché della sua ricettività e può aiutare anche a cancellare le esperienze e le sensazioni negative immagazzinate nel corpo.

I diversi massaggi che compongono il massaggio olistico

Grazie alle sue tante accezioni, il massaggio olistico è considerato un’evoluzione di molte tecniche di massaggio. Le somiglianze si notano soprattutto prendendo in considerazione prendendo in considerazione conosciute tipologie di massaggio orientale e occidentale come ad esempio:

  • Le terapie legate alla consapevolezza che lo stress possa rappresentare un fattore determinante per la salute;
  • Il massaggio svedese di Henrik Ling;
  • Le discipline che possono concretizzare lo sviluppo personale come lo yoga, il Tai Chi e le arti marziali;

Inoltre, può coniugarsi alle terapie naturali come:

  • Aromaterapia;
  • Cristalloterapia;
  • Cromoterapia.

Il massaggio olistico e la tecnica

Dopo aver parlato delle origini e della sua completezza, un altro elemento che si presuppone come caratteristica sostanziale del massaggio olistico è il tocco dell’operatore.

Il massaggio olistico, infatti, è basato anche sulla comunicazione sensibile tra l’operatore e il paziente che avviene attraverso l’uso dei sensi: il tatto, infatti, si determina essenziale e dovrà essere modificato nella direzione, nella velocità e nella profondità a seconda delle necessità del paziente.

Quando l’operatore, infatti, decide di lavorare sul cliente iniziando il trattamento, diverse possono essere le risposte fisiologiche del paziente che possono interessare l’epidermide, il tessuto muscolare e la flessibilità dei movimenti.

Ciò che contraddistingue il massaggio olistico sono anche le combinazioni di terapie che trasformano il massaggio olistico in una terapia unica, soddisfacendo i bisogni dell’individuo caratterizzandone anche l’aspetto sensoriale.

L’iter del massaggio olistico e gli strumenti per raggiungere il benessere

L’iter del massaggio olistico è lungo ma sicuramente funzionale per godere di tutti i benefici.

  1. Il colloquio informativo. Il colloquio è la modalità più efficace per stabilire il primo contatto tra il massaggiatore e il paziente;
  2. Esame delle vertebre. Ogni vertebre possono essere esaminate, verificando la mobilità e la distanza con le altre adiacenti;
  3. Rocking. Dopo gli esami preliminari, il rocking è una tecnica di oscillazione continua che può permettere di preparare il paziente al relax del massaggiato;
  4. L’analisi della struttura scheletrica

    L’operatore basa la sua analisi anche sulla struttura scheletrica la cui correzione può avvenire attraverso l’accompagnamento guidato nella sua sede originaria, generando così una reintegrazione della struttura quasi autonoma;

  5. Il trattamento. Subito dopo, si passa al trattamento, ovvero quando il ricevente potrà sdraiarsi e ricevere il massaggio. Il primo intervento sarà indirizzato alla manipolazione nonché al rilassamento e all’ammorbidimento della struttura muscolare per far emergere i canali energetici;
  6. La digito-pressione. Dopo la prima fase, il corpo avrà bisogno di un nuovo equilibrio. Questa funzione equilibrante può essere svolta dalla digito-pressione che può provvedere anche come una risorsa auto-guarente;
  7. Attivazione meridiani energetici. Durante la seconda fase, inoltre, è possibile attivare anche i meridiani energetici, rimuovendo gli eventuali ristagni causati dagli squilibri degli organi interni, apportando sollievo e benessere al corpo.

Tanti sono gli strumenti utilizzati per condurre il cliente al relax fisico e mentale come:

  • La manipolazione dei tessuti muscolari;
  • Lo scioglimento e l’elasticizzazione delle giunture;
  • Lo scioglimento della spina dorsale e la mobilitazione delle vertebre;
  • La trasmigrazione di energie da zone complete ad aree particolarmente carenti. Attraverso la pressione delle mani e delle dita, è possibile spostare l’energia da zone piene ad aree che ne sono carenti, definite vuote. Questa tecnica provoca piacevoli sensazioni detti “sistema dei vasi comunicanti” e svolge un ruolo importante, trasformandosi nell’attivatore della capacità del sistema energetico del paziente,

Il massaggio olistico e i suoi benefici

Grazie alla sua completezza, il massaggio olistico rappresenta un unicum del suo genere, raccogliendo una serie di benefici.

Dal punto di vista fisico, questa manipolazione permette di:

  • Migliorare la respirazione, rendendola più costante e in grado di sciogliere le tensioni e i blocchi emotivi che generalmente si posizionano sul diaframma;
  • Migliorare la circolazione sanguigna e linfatica poiché ogni area del corpo è necessario che giungano nutrimento ed ossigeno, eliminando eventuali tossine;
  • Fortificare il sistema immunitario, migliorando la consistenza dell’epidermide rendendola più morbida e tonica;
  • Migliora il metabolismo e il senso di relax che, rilasciato dai recettori nervosi presenti su viso, mani, piedi e colonna vertebrale permette di percepire la sensazione poi su tutto il corpo.

Dal punto di vista psicologico, il massaggio permette di favorire maggiore consapevolezza di sé ma non solo.

La terapia olistica, infatti, permette:

  • Di migliorare l’umore, aumentando l’energia e la conoscenza di sé;
  • Rappresenta uno dei metodi più efficaci per ridurre lo stress;
  • Di liberare l’espressione di sensazioni e sentimenti;
  • Riunifica il corpo e la mente in un relax in maniera sopraffina.
  • Dormire meglio la notte;
  • Aumentare la lucidità mentale;
  • Di aumentare le proprie performance fisiche.

La legge n° 4/2013: la figura del massaggiatore olistico

Per svolgere al meglio il massaggio olistico è necessaria una figura professionale chiamata Massaggiatore del Benessere od operatore olistico.

Questa professione, fino a qualche tempo fa non delineata a dovere, è stata riconosciuta secondo la Legge n. 4/2013 dedicata alle Professioni Non Regolamentate che determina come il massaggiatore possa esercitare la propria professione senza abilitazione, ovvero senza un diploma riconosciuto, e dimostrando solo le competenze acquisite attraverso i corsi realizzati in una delle molte scuole presenti come ZoneRiflesseAccademy.

Ma come si delinea la figura del Massaggiatore olistico?

  1. Secondo la legge 4/2003, il massaggiatore olistico può occuparsi solo di massaggi fini a sé stessi e quindi non dedicati all’ estetica o alla fisioterapia (questa cosa deve essere ben chiara poiché, in caso contrario, potreste avere problemi legali). Ricorda: non devi descrivere il trattamento come curativo o terapeutico.
  2. Per diventare massaggiatore olistico, in secondo luogo, sarà necessario recarsi al Comune in cui si intenderà svolgere l’attività e chiedere se esistano leggi create appositamente per vietare l’attività del Massaggio Olistico come mezzo per contrastare l’aumento dei centri massaggio cinesi:se così non fosse, sei sulla buona strada!
  3. Attento alle raccomandazioni.

    Non sei un estetista: devi dire che non hai intenzione di svolgere massaggi estetici.

    Non sei un fisioterapista: tu non farai massaggi riabilitativi e non hai necessità, quindi, di essere fisioterapista o medico.

    Quindi, alla domanda “ ma lei allora che tipologia di massaggi esegue?” sarà facile e corretto rispondere: desidero svolgere massaggi olistici per riequilibrare le energie del corpo.

  4. Per aprire la tua attività, non è necessario comunicare qualcosa alla Camera di Commercio e/o a uffici sanitari o pompieri. Tutto ciò che devi fare è aprire la tua partita iva con il seguente codice attività: 96.09.09 ovvero altre attività di servizi alla persona. È necessario, poi, scegliere il tipo di attività:
  • 75: Massaggi;
  • 76: Riflessologia;
  • 77: Pranoterapia;
  • 78: Naturopatia;
  • 79: Altri servizi rivolti al benessere fisico della persona.

L’operatore olistico e le sue responsabilità

Nonostante non si occupi di un massaggio estetico o fisioterapico, come tutte le tipologie di professionista anche il massaggiatore olistico ha delle responsabilità.

Proprio per questo, come per qualsiasi altro massaggio, è necessario che il massagiatore olistico abbia una buona copertura assicuratrice che può avere anche costi esosi ma può aiutarti concretamente per evitare brutti imprevisti: al giorno d’oggi, infatti, il mondo è pieno di gente seria ma anche di qualcuno che a volte può reagire in maniera inaspettata.

La copertura assicurativa è utile nel caso in cui:

  1. Vi siano danni effettuati durante un massaggio causati da un errore umano o un problema esogeno;
  2. Vi siano responsabilità nel momento in cui il cliente si può far male all’interno dello studio o dopo il massaggio.

La copertura assicuratrice non deve essere molto costosa ma, ti assicuro, che ti potrà salvare la vita nel momento in cui potrai avere qualche problema.

La durata, il prezzo e i benefici del massaggio olistico

La manipolazione olistica ha una durata media di 40/60 minuti, a seconda dei malesseri del cliente da soddisfare. Proprio per i benefici che offre e l’unicità della terapia, questa manipolaizone può delinearsi sul mercato ad un livello medio-alto e il suo prezo può aggirarsi tra i 65 e i 100 euro.

Fai il test e scarica il video corso Gratuito

Fai il test Ora