Dobbiamo scaricare questo sistema nervoso sulla schiena, e dobbiamo andare a pizzicare la pelle come insegno nel massaggio metamerico. Dall’alto verso il basso, sia sul lato sinistro, sia sul lato destro è come se venisse pettinato il sistema nervoso.

Io ai miei clienti spiego sempre immagina il tuo sistema nervoso come dei capelli, capelli lunghi, che hanno bisogno di essere pettinati.

In questo momento che sei molto teso o tesa, questi capelli è come se si fossero arricciati, con questa manualità vengono distesi, vengono pettinati.

E’ chiaro che come quando la spazzola passa sui capelli ricci, tira dei capelli di conseguenza fa male, le prime spazzolate perchè dopo invece si lisciano, anche qua i primi passaggi saranno un po’ più dolorosi poi piano piano.

Questa manualità migliora e diventa sempre più scorrevole, puoi aiutarti con un pochino di olio, o un po’ di crema.

Migliora così tanto che effettivamente le persone quando si rialzano hanno già un enorme beneficio si sentano rilassate, tranquille e con molta meno sensazione di angoscia e paura.

Questo lavoro di scollamento lo devi fare su tutta la colonna vertebrale. E’ chiaro che quando andrai a lavorare la zona del metamero dei reni, e adesso ti spiegherò bene dove si trova, quella zona lì verosimilmente sarà più tesa, più dolorosa, e cosa fai lasci stare?

Assolutamente no, ti metti li con pazienza e scolli. Se fa troppo male quello che io ti consiglio è di alternare questa manualità di scollamento ad altre manualità che sicuramente già conosci.

Puoi fare un impastamento dolce o comunque una manualità che tu sai che non sia invasiva e che comunque tranquillizzi.

Però ricordati, quello che dà il beneficio non sono le carezze durante un massaggio, quelle vanno bene momentaneamente per avere un risultato a lungo termine devi andare a scollare il metamero dei reni.

Quindi, adesso vediamo come viene suddivisa la schiena con un estrapolato dal corso massaggio metamerico.

Devi tirare i gomiti leggermente giù in maniera che le braccia non siano sollevate e devi fare un tracciato dal gomito a gomito.

Una volta suddivisa la schiena praticamente in tre zone quello che dovrai fare tu è lavorare tutta la terza zona, ovvero quella che va dal gomito per il tracciato a metà schiena dai due gomiti fino al tratteggio diciamo all’altezza dei glutei.

Adesso ti farò vedere poi nello specifico dove si trova questa fascia nervosa che si chiama appunto metamero, che collegata al rene e quindi c’è il tratteggio che va da gomito che sta per stomaco.

Subito sotto abbiamo la zona del rene e surrene destro, e rene surrene sinistro.

Scollando questa zona tu migliori tantissimo l’innervazione tra questi organi questi non andranno più a produrre un eccesso di adrenalina.

Di conseguenza gli attacchi di panico non riusciranno più a manifestarsi.

Bene, allora lo scollamento per gli attacchi di panico lo devi fare rigorosamente dalla testa direzione verso i glutei e fai più passaggi. Prendi, lo scolli, se ha difficoltà come ti dicevo prima a scollarsi, mettiti lì con pazienza e piano piano scolli.

Non devi scollare tutto quanto la prima volta ovviamente se fa troppo male, e avvisa comunque la persona, che per due tre giorni si sentirà la zona indolenzita come se avesse preso una botta.

Il corpo incomincerà a rilasciare un po’ di tossine che nella fattispecie si chiama istamina, proprio perchè la zona è stata lavorata e trattata.

Un po’ come l’acido lattico quando viene prodotto quando uno improvvisamente ricomincia a fare un’attività sportiva.

Quando vengono massaggiate queste zone nervose rilasciano questo quantitativo di tossico che per due tre giorni si sente effettivamente che c’è stata questa passata un po’ più energica nella schiena.

Tu prepara, avvisa la cliente dille di non preoccuparsi, se la rassicuri andrà tutto bene.

Francesco Ciaccia

Abbiamo preparato apposta per te dei video-tutorial passo passo dove scoprirai esattamente come si applicano queste tecniche in modo da essere operativo da SUBITO.

Trovi tutto il materiale cliccando sul bottone verde: “SCOPRI DI PIU’“:

corso dei trattamenti specifici

Scopri di più

Ti è piaciuto questo articolo? Se c’è altro che vorresti sapere o se vuoi semplicemente scriverci la tua opinione, lasciaci un commento qui sotto! Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensi.