Lavoro sulle cervicali e sulla nervatura della scapola

La nervatura che va alle spalle parte dalla zona bassa delle cervicale.

Quindi adesso noi dobbiamo trazionare il collo, poi, una volta che lo abbiamo portato in tensione, facciamo girare la testa. Dopo aver girato la testa dobbiamo sciogliere il trapezio e quindi la muscolatura dietro. Questo perché liberando il movimento della cervicale liberiamo nervatura che va alla spalla e questo aiuta tantissimo a fare tutti questi bei lavori che abbiamo fatto fino adesso per la spalla.

Senza però tirare via l’input nervoso che parte dalla cervicale, è un lavoro fatto neanche a metà!
Quindi è importante adesso lavorare tutta la zona dietro. Sciolgo bene prima un trapezio, con calma, lo fai lentamente e dolcemente. Una volta finito un lato farò girare la testa dall’altra parte e andrò a lavorare l’altro trapezio.

Adesso ripetiamo le trazioni. Giro la testa verso di me, mi aggancio e gli faccio fare anche un piccolo dondolio. Poi la pieghiamo prima da un lato, piano piano e sempre con il collo in trazione e il mento bello alto.
In questi movimenti sentirai molto spesso il collo che fa “croc croc”.

Importante: il mento deve stare alto e dolcemente vado verso la spalla. Non fare dei colpi improvvisi perché potresti invece traumatizzare la cervicale.

riflessologia lavoro cervicali passo passo

Riflessologia

È molto importante il lavoro in riflessologia e dobbiamo trovare dov’è il punto della spalla. Si trova esattamente al lato del mignolo  dove sentiamo l’osso più sporgente. Lo andiamo a cercare e lì troveremo esattamente l’articolazione scapolo-omerale.

Quindi adesso la vado a cerchiare e a stimolare. Tengo ben fermo il piede con l’altra mano (è molto importante perché altrimenti  ti sfugge anche la presa) e vado a stimolare tutta l’articolazione per un paio di minuti.

Non ti viene la manualità di stimolazione livello avanzato?

Puoi fare questa! Fai dei cerchietti con una pressione costante tutto intorno intorno all’ossicino più sporgente.

Adesso invece dobbiamo disegnare dov’è la zona scapolare (che è sotto il mignolo) ok?

Prima eravamo al lato del mignolo, adesso invece siamo sotto. Quindi questa è la zona che andiamo a stimolare per 1- 2 minuti (sono più che sufficienti). Questo lo puoi fare sia all’inizio del trattamento della spalla, quindi prima di fare tutti i passaggi che ti ho spiegato, o tranquillamente, se preferisci puoi farlo alla fine quindi dopo che hai fatto tutti i vari passaggi.

Francesco Ciaccia

corso dei trattamenti specifici