Per completare il nostro percorso sulla colonna vertebrale, eccoti un articolo studiato per aiutarti ad individuare e lavorare tutto il coccige!

 

Devi sapere che il coccige è un prolungamento dell’osso sacro e non è un unico osso… E’ composto infatti da 4 a 6 vertebre fuse assieme.

Cause di origine traumatica oppure per compensazione della colonna vertebrale potrebbero portarlo in posizione dislocata. Proprio per questo motivo, quando ovviamente le alterazioni sono minime, ti seguirò passo passo per aiutarti ad effettuare questo sblocco.
Ricordo ovviamente che qualora le alterazioni fossero maggiori, il riassetto sarà competenza del medico e non di noi massaggiatori.

Individuazione del coccige

Iniziamo come al solito con l’individuazione della parte da trattare. Nel caso del coccige bisogna procedere per gradi, altrimenti il cliente potrebbe irritarsi!

Parti quindi dalle ossa sacrali e con due dita scendi sino a quando non riesci ad individuare l’ultimo tratto della colonna vertebrale, come fosse una “codina”. Questo tratto è molto sensibile e potresti trovarlo inclinato a destra o a sinistra.

Individua il coccige usando due dita

Mobilizzazione del coccige

Agganciati con le due dita sulla punta del coccige (mi raccomando, che sia proprio la punta e non le sacrali), chiedendo al cliente di fare un’inspirazione, e nel momento in cui espira trazionalo verso di te, molto lentamente.
Esegui questo movimento per 3 volte. Puoi farlo da entrambi i lati.

Agganciati alla punta del coccige ed esegui delle trazioni

Mentre lavori puoi nel frattempo spiegare al cliente ciò che stai facendo, in modo da favorire un rilassamento vista la sensazione poco piacevole nella zona trattata!

In caso di dolore, chiedendo un po’ di pazienza, insisti, così da farlo scemare. In questo caso puoi aumentare i passaggi anche fino a 10.

Pressione sul coccige

Con i movimenti di mobilizzazione e lateralizzazione abbiamo sistemato eventuali “storture” del coccige, raddrizzandolo in asse. Ora dobbiamo fare delle pressioni.

Devi sapere che ogni tanto esso tende a rialzarsi. E’ importante quindi comprimerlo verso il basso, procedendo ovviamente sempre per gradi e molto lentamente.

Individua quindi l’osso e adagia ad esso la parte bassa del palmo della tua mano; appoggiati, e nella fase di espirazione fai un po’ di molleggiamento sul coccige. Ti consiglio di ripetere il movimento per circa 4 passaggi.

Effettua delle pressioni sul coccige come in figura

E con questo ti ho spiegato tutto quello che possiamo fare noi massaggiatori sul coccige! Casi di disturbi più gravi e manovre di sblocco particolari saranno di competenza dei medici… Ma ti assicuro, con questi piccoli e semplici passaggi otterrai bellissimi risultati e grandi soddisfazioni!

Ti auguro buona continuazione!

Francesco Ciaccia

Abbiamo preparato apposta per te dei video tutorial passo passo dove scoprirai esattamente come si applicano queste tecniche in modo da essere operativo da SUBITO.

Trovi tutto il materiale cliccando sul bottone verde “SCOPRI DI PIU’“:

video-corso tecnica vertebrale

Scopri di più

Ti è piaciuto questo articolo? Se c’è altro che vorresti sapere o se vuoi semplicemente scriverci la tua opinione, lasciaci un commento qui sotto! Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensi.