Il massaggio cervicale è, forse, uno fra i massaggi più richiesti. Il massaggio cervicale è , inoltre, il maggiormente scelto per  alleviare i disturbi muscolari causati dalle nostre azioni quotidiane.  Con l’avvento del nuovo millennio e l’uso smodato degli apparecchi elettronici, infatti, sono aumentate in maniera esponenziale le problematiche in questa zona del corpo, in particolar modo il nostro collo.  Possiamo, quindi, definire il dolore alle vertebre cervicali così come il massaggio 2.0.

 

Il massaggio cervicale e le origini

Il massaggio cervicale acquisisce l’ essenzialità della sua tecnica dalle tradizioni orientali, in particolar modo dalle Terre Nipponiche. È proprio in Giappone, infatti, che sono nate due tra le pratiche manipolatorie comunemente utilizzate ai nostri giorni come lo Shiatzu e il massaggio Thailandese, nato e sviluppatosi nelle terre Thailandesi. La manipolazione delle vertebre cervicali condivide molte similitudini con queste due tecniche e, in particolar modo, ne condivide l’obiettivo. Lo scopo di questo massaggio, infatti, è la stimolazione della circolazione attraverso la digitopressione effettuata sia sui Meridiani energetici che sui Chakra, canali energetici che sono distribuiti nei centri vitali del nostro corpo.

Il massaggio cervicale e le tecniche di massaggio

Quali sono le tecniche più utilizzate per praticare il massaggio cervicale? Il massaggio cervicale è versatile e molte sono le tecniche  così come le modalità per realizzarle. La cosa più importante è che le varie movenze siano realizzate da un operatore qualificato e competente. È possibile individuare, in particolare, quattro movimenti:

  • L’impastamento, realizzato rigorosamente con entrambe le mani. Lo scopo di questa tecnica è cercare di donare nel minor tempo possibile un senso di benessere generale. Per fare ciò, è necessario che l’operatore si metta lateralmente al paziente e impasti i muscoli del trapezio in maniera accurata.
  • Lo scollamento. Una manovra utile per lavorare la zona delle vertebre cervicali simile al massaggio metamerico. Nell’area cervicale sono presenti tantissime nervature che si dirigono verso tutto l’organismo. Attraverso questa manipolazione è possibile lavorare in profondità e migliorare le condizioni dei muscoli.
  • Le tecniche del linfodrenaggio. Generalmente, il linfodrenaggio viene utilizzato nel momento in cui la parte è davvero infiammata:  piccoli pompaggi realizzati dall’alto verso il basso in direzione del collo. Il massaggio è dolce e il suo scopo è spostare la linfa, toccando il meno possibile le fasce muscolari profonde.

il massaggio cervicale

Il massaggio cervicale, i  sintomi del malessere, le cause e i rimedi

La cervicale si rivela una problematica davvero fastidiosa così come i sintomi che ne annunciano il giungere. Non solo la stanchezza e il dolore alla muscolatura della parte bassa del collo ma anche le vertigini, i giramenti di testa, i disturbi alla vista e  fastidi agli avambracci e alle mani. Generalmente, tante sono le cause che provocano questo malessere.

Tra le cause di natura esterna, sicuramente la postura scorretta si pone al primo posto. La posizione che si assume durante la giornata, infatti, è essenziale per raggiungere il benessere interiore e con gli altri.

Nel caso in cui ci rendessimo conto di soffrire di tensioni muscolari, importante sarebbe contrastare questa tendenza, rieducando la schiena ad una posizione diritta ed eretta. E’ importante, inoltre, conferire una corretta comunicazione fra il capo e il bacino, riducendo i rischi di disfunzioni fisiche.

Generalmente, i pazienti che vengono colpiti da questo disturbo sono gli impiegati negli uffici in quanto trascorrono molte ore davanti ai monitor, mantenendo posizioni scorrette. Questo inficia molto sul collo che, a lungo periodo, potrebbe risentirne e non poco.

Le cause esterne e le cause interiori del dolore alla cervicale

Anche le aggressioni ambientali come il caldo e il freddo sono cause dei dolori cervicali. Con il caldo, i reni e il fegato, infatti, aumentano il loro metabolismo e il torcicollo è conseguenza  del loro raffreddamento.  Durante l’inverno, invece,  i reni sono gli organi che accusano maggiormente di questa “aggressione climatica”, creando problemi al collo. Tra le cause esterne, bisognerebbe prestare attenzione anche all’alimentazione. Attraverso un eccesso di alimenti e il consumo sconsiderato di alcol, poi, è possibile un sovraffaticamento del fegato, ripercuotendo il malessere sul collo.

Il malessere cervicale può essere causata anche da cause di natura interna. Anche la sfera emotiva, infatti, può far insorgere questo genere di problematiche. Il dolore psicologico mentre si attraversa una situazione difficile, a prescindere dalla sua natura, può causare disordini emotivi e squilibri a livello fisico.

Come porre rimedio a questo disturbo?

Non solo il massaggio cervicale può portare sollievo per le cervicalgie. Per evitare l’insorgere, quindi, possiamo definire un programma ad hoc:

  • Utilizzare la posizione del corpo ben eretta
  • Mantenere una visione ampia e aperta sulle cose. Niente fissazioni e niente preoccupazioni: lascia correre i problemi.
  • Impegnarsi nell’ascolto di sé e degli altri.
  • Sono consigliati anche metodi e tipologie di esercizi adatte alla risoluzione di questa problematica come lo Yoga.

Questa attività, infatti, permette non solo di allenare il proprio corpo ma anche di allungarsi e spingersi più in là di quello che noi pensiamo possano essere le nostre capacità fisiche.

Il massaggio cervicale: come porre rimedio al disturbo

Il massaggio cervicale e l’aromaterapia

Anche per il massaggio cervicale esistono diversi oli essenziali adatto a sfiammare la zona. Gli oli  impiegati per queste problematiche sono rubefacenti, ovvero determinano il richiamo di sangue negli strati superficiali della pelle, alleggerendo l’infiammazione per gli strati più profondi.
Quali sono gli oli essenziali adatti per risolvere questo genere di problematica?
–          L’olio essenziale di abete bianco. Svolge un’azione antinfiammatoria oltre ad essere un ottimo analgesico. L’abete bianco, inoltre, aumenta la vasodilatazione e la circolazione sanguigna, alleviando i dolori artrosici e i dolori cervicali.
–          L’olio essenziale di ginepro. Utilizzato generalmente per le infiammazioni del sistema osteoarticolare. Stimola la produzione corporea di cortisone e ha uno spiccato effetto analgesico.
–          L’olio essenziale di zenzero. Ha un grande effetto antidolorifico contro le rigidità muscolari e gli stati dolorosi dovuti ai traumi, agli stiramenti e al dolore cervicale.
Importante. Non mettere mai l’olio essenziale direttamente sulla pelle. È necessario diluire poche gocce di olio essenziale con un cucchiaio di olio di arnica o aggiunte ad una crema neutra per massaggi.

Il massaggio cervicale: le manovre base e la terapia step- by- step

La principale raccomandazione che mi propongo di fare è che questo trattamento sia esercitato da un operatore competente. Ogni massaggiatore dovrà possedere nozioni di vario genere nonché imparare le principali manipolazioni messe in pratica dai chiropratici, dagli osteopati, i medici e i fisioterapisti. In questo modo sarà possibile trasformare un semplice massaggio in un portatore di tanti benefici.

Per effettuare un ottimo massaggio cervicale è possibile esercitare varie tipologie di movimento. Ad esempio, è possibile prendere in considerazione lo stretching, esercizi leggeri per l’allungamento e il rilassamento dei muscoli. E’ possibile, inoltre, utilizzare la digitopressione nei punti più infiammati. Inoltre dovresti sapere che la manipolazione gode del massimo dei risultati se il paziente soffre di cervicalgia, ovvero una infiammazione della cervicale.

Per massimizzare i benefici, inoltre, ci si potrebbe servire anche di alcuni metodi di riflessologia plantare. L’importante, per l’operatore, è cercare sempre di reperire più informazioni possibili in maniera tale da ampliare il proprio sapere ogni volta che è possibile.

Come eseguire il massaggio cervicale?

Il massaggio cervicale non è invasivo. Riduce, semplicemente, la compressione tra le vertebre, principale causa dell’infiammazione dei principali nervi che poi si dirigono nel corpo.

L’operatore che si accinge a svolgere questo massaggio dovrà rispettare una certa procedura.

Dapprima l’operatore allungherà il collo e, servendosi di pressioni lente eseguite gradatamente, agirà sui punti vertebrali più tesi e dolorosi in maniera tale da scioglierli a poco a poco.

Il massaggio cervicale, però, non si basa unicamente sul solo massaggio delle sette vertebre cervicali. Anche la zona delle scapole e delle spalle sono zone molto importanti da trattare. Lo scopo è sempre quello: ritrovare l’assetto posturale riportando l’armonia e l’elasticità del corpo. L’effetto, senza dubbio, risulterà molto gradevole in quanto permetterà di riacquistare gradualmente e in breve tempo lo stato di veglia, conservando sempre l’effetto benefico di relax del trattamento insieme al benessere e la sensazione di sollievo. Senza dubbio, una seduta dopo l’altra, si noterà il cambiamento della nostra condizione psicofisica.

I benefici del massaggio cervicale

Il massaggio cervicale apporta grandi benefici e una gran bella sensazione di relax e benessere in tutto il corpo, sia dal punto di vista fisico che mentale. Partiamo dal miglioramento degli organi interni, come il raggiungimento del benessere del fegato e del piccolo intestino. Risolvere i problemi alla cervicale, inoltre, permette anche di raggiungere grandi benefici per quanto riguarda l’aspetto mentale. Grazie al massaggio cervicale, infatti, è possibile superare condizioni di nervosismo, insonnia e blocchi psicologici. Inevitabilmente, liberando la zona cervicale dalle tensioni, poi, l’energia scorre libera superando eventuali stagnazioni permettendo al sangue di circolare. I movimenti del collo e delle spalle saranno inevitabilmente più sciolte offrendo un ampio senso di movimento. Inoltre, il massaggio cervicale permette di abbandonarsi ad un grande senso di relax nonché di recuperare le forze perdute attraverso lo stress quotidiano e le azioni quotidiane.

Tante e tante altre informazioni e dettagli sarebbe possibile scrivervi per parlare di questo massaggio talmente utile di cui, a volte, sarebbe impossibile farne a meno. Ecco perché ho deciso di dedicare dei video a questa manipolazione.

Cosa serve per diventare massaggiatore della zona cervicale ? Professionalità e forza di volontà. Cambia la tua vita e diventa un professionista massaggiatore!

Abbiamo preparato apposta per te dei video-tutorial passo passo dove scoprirai esattamente come si applicano queste tecniche in modo da essere operativo da SUBITO.

Trovi tutto il materiale cliccando sul bottone verde “SCOPRI DI PIU’

video-corso tecnica vertebrale

Ti è piaciuto questo articolo? Se c’è altro che vorresti sapere o se vuoi semplicemente scriverci la tua opinione, lasciaci un commento qui sotto! Ci farebbe molto piacere sapere cosa ne pensi.

Scopri tutti i prodotti da massaggio disponibili sul nostro sito cliccando sul bottone verde “SCOPRI L’OFFERTA”